Le vostre zone erronee – Wayne Dyer

Paura a parte di Sebastiano Zanolli

Paura a parte è uno dei miei libri preferiti di Sebastiano Zanolli.

Perché leggerlo?

Per lo stile semplice e profondo che caratterizza i suoi libri.

Per la profondità e la leggerezza con cui è solito porsi, senza mai mettersi sul piedistallo.

“È una pulsione atavica, innata, insopprimibile. La paura atterrisce e paralizza oppure, viceversa, rende instabili e aggressivi.

La terza reazione riscontrabile in natura è la mimesi, l’annullamento temporaneo nell’ambiente circostante.

La paura di per sé è neutra, alla pari di tutti gli istinti che derivano come corollario dal principio di autoconservazione della specie.

Solo il nostro modo di reagire vidima la paura col segno negativo o positivo.

Sta a noi incanalarne l’energia verso agli obiettivi che ci premono. Sono la percezione della propria inadeguatezza, l’incertezza e la non decifrabilità del futuro, le scelte a opzione multipla i fattori primari che suscitano ansia, panico, terrore.

Ogni reazione salvifica passa per un’assunzione di consapevolezza: ‘prendere atto’ è il primo passo per “porre in atto” senza velleitarismi.

Ecco, queste ‘riflessioni sul lavoro e la vita in un mondo precario’ ci insegnano a leggere l’origine dei timori per imparare a sfruttarli a nostro beneficio.

Trasformare un limite, connaturato a tutti gli esseri viventi e non disattivabile a priori, in una risorsa per sopravvivere.

Anzi: per vivere. Bene. Questo libro contiene il kit e le istruzioni d’uso.

Metterlo in pratica è la nostra sfida quotidiana, da oggi più consapevole” (Alessandro Zaltron, giornalista).

Alcuni capitoli da leggere e rileggere

  1. Un’occhiata serena alla paura
  2. La madre di tutte le paure: l’incertezza
  3. Limitare o eliminare la paura sul luogo di lavoro
  4. Le paure degli altri
  5. Cambiare opinione sulla paura
  6. Tradurre la paura. Il coraggio

Se vuoi leggerlo, lo trovi su Amazon cliccando qui sotto

Se l’hai già letto e se ti va, scrivi in un tuo commento 🖤

Paura a parte – Sebastiano Zanolli